loader

Il caffè fra storia e leggende

Posted by Emanuele Salvato on 16-gen-2018 19.57.37

Ci prendiamo un caffè? Una frase che, ormai, è entrata nel gergo comune come sinonimo di facciamo due chiacchiere, consociamoci meglio, approfondiamo quel discorso, parliamo d'affari... Insomma, il caffè è senza dubbio una delle bevande calde più sociali e socializzanti che esistano. La sua storia intreccia leggende a fatti veri.

storia-del-caffe.jpg

Storicamente è probabile che risalga al medioevo, ma alcune leggende lo collocano anche prima. L'albero di Coffea è originario dell'antica provincia di Kaffa/Kefa (da cui il nome) nel sudovest dell'Etiopia. E proprio in Etiopia ha origine una delle più note leggende diffuse intorno alla nascita del caffè. Narra che un pastore dell'Abissinia notò l'effetto eccitante e tonificante che le bacche della pianta del caffè avevano sulle capre del suo gregge. Incuriosito sottopose la questione ai monaci di un vicino monastero i quali, spinti dalla curiosità scientifica, prepararono un infuso coi frutti della pianta e dopo averlo bevuto si sentirono carichi e pieni di energia. Da allora, secondo la leggenda, la coltivazione si diffuse in Arabia oltrepassando il mar Rosso.

Altri attribuiscono la scoperta del caffè ad un discepolo della Shadhiliyya chiamato Omar. Secondo l'antica cronaca (conservata nel manoscritto del persiano Abd al-Qadir Maraghi) questi, che era conosciuto per la sua capacità di curare i malati con la sola forza della preghiera, fu esiliato da Mokha in una grotta deserta nei pressi di Ousab; provò a masticare le bacche raccolte da alcuni arbusti situati lì vicino, ma le trovò amare. Allora si mise a tritarle nel tentativo di migliorarne il sapore, ma così divennero dure. Poi provò a bollirle per ammorbidirle, il che produsse un liquido fragrante bruno. Dopo averlo bevuto Omar fu capace di rimanere senza cibo per dei giorni interi. Quando i racconti di questo "farmaco miracoloso" giunsero fino a Mokha ad Omar venne permesso di tornare e in seguito venne fatto santo.

La coltivazione ebbe inizio nello Yemen a metà del XV secolo e dalle città di Mecca e Medina, notoriamente meta di pellegrinaggi, si diffuse in tutta la penisola araba. La cittadina portuale di Mokka (da cui il termine moka utilizzato pe identificare la caffettiera). Per questo motivo, fino al XVIII secolo nei caffè di tutta Europa si beveva 'mokka', una bevanda molto costosa che potevano permettersi solo i nobili. Con l'espandersi dell'impero Ottomano nel XVI secolo il caffè di diffonde anche in Asia Minore, Siria, Egitto e nell'Europa sudorientale. La bevanda divenne molto popolare in tutto il mondo islamico dove era conosciuto con il nome di "qahwah" che vuol dire vino, mentre i turchi lo chiamavano "kahweh". Non essendo consentito ai musulmani bere alcol, il caffè divenne il "vino dell'Islam".

Che il caffè fosse considerato prezioso nel mondo arabo lo dimostra la gelosia con cui le popolazioni arabe ne custodivano le bacche, impedendone di fatto, l'esportazione. Per molto tempo, di fatto, il commercio del caffè fu monopolio degli arabi. Almeno fino agli inizi del XVII secolo quando un gruppo di commercianti olandesi sprezzanti del pericolo si mise a importare il caffè di contrabbando in tutta Europa. Una volta attivato in Europa il caffè venne coltivato in serre e aranciere, prima che le potenze coloniali iniziassero a coltivalo sull'isola di Giava, in Colombia e in Kenya. Nel XIX secolo il caffè diviene una bevanda molto diffusa e popolare.

Anche in Italia la storia di alcuni grandi marchi di caffè, come Lavazza, inizia nel 1895. Oggi il caffè lo si può trovare in moltissimi negozi e in moltissimi formati. Anche i supermercati on line ne sono fornitissimi e per acquistarlo si evitano anche di fare la coda alle casse e lo stress della ricerca del parcheggio con l'auto.

Topics: storia, caffè

Benvenuto su Cicalia.com 

il tuo Supermercato Online!


Approfondisci gli articoli sul nostro blog e quando sei pronto fai la spesa online. Inserisci i prodotti nel carrello e scegli dove vuoi riceverli: a tutto il resto pensiamo noi :-)


Perchè Cicalia:

  • È veloce (24/48 ore in tutta Italia);
  • Consegna con mezzi refrigerati;
  • Ordini quando vuoi, senza code!

Iscriviti alla nostra newsletter

Articoli recenti

Categorie e Argomenti

vedi tutti