loader

Latte, un decalogo per conoscerlo meglio

Posted by Emanuele Salvato on 11-mag-2018 17.09.24

Abbiamo visto quali siano le caratteristiche del latte, quali le sue proprietà nutritive e, anche, che esiste un buon numero di persone intollerante, in particolare, al lattosio. Rimane il fatto che il latte è un alimento completo sul quale, però, forse proprio tutto non sappiamo. Per questo abbiamo pensato di proporre un decalogo sull'alimento.

comesostituireillatte_immevidenza

Dieci punti che, in qualche modo, cercano di dipanare i dubbi sul latte che potrebbe avere un consumatore medio. Il quale deve sapere che, oggi, il latte è facilmente acquistabile facendo la spesa on line. Una modalità che permette di risparmiare tempo.

  1. Innanzitutto è utile dare una spiegazione relativamente a quello che è diventato quasi un modo di dire, ossia che il latte è un alimento completo. È vero, perché il latte è in grado di fornire all'organismo calcio, magnesio, selenio, riboflavina (vitamina B2), vitamina B12 e acido pantotenico (vitamina B5). In relazione al tipo di animale da cui il latte è ricavato, può anche diventare fonte di zinco, vitamina A, C, D e B6.
  2. Oltre alle mucche, che sono l'animale per antonomasia dal quale il latte è ricavato, esistono altri animali che lo producono e cambia il gusto, la consistenza e anche l'apporto nutritivo, come detto. Abbiamo quindi il latte delle bufale, delle capre e delle pecore. Ma anche altri animali, meno 'noti', producono latte e parliamo dell'asino, della renna, dello yak, del cammello, dell'alce, del bue muschiato, del lama, e dell'alpaca. Ma questi tipi di latte non sono utilizzati.
  3. La produzione globale di latte è dominata da 5 specie animali e sono rappresentate da bovini da latte, bufali, capre, pecore e cammelli. Secondo le statistiche della Fao relative all'anno 2013, l'85% della produzione totale di latte proviene da mucche. A seguire bufali con 11%, capre 2%, pecore 1% e cammelli 0,4%.
  4. Come già accennato a diversi tipi di latte corrisponde diverso apporto nutritivo. In generale, tutti i tipi di latte apportano notevoli quantità di calcio. In particolare, poi, il latte di pecora, cavalla e asino sono fonte di vitamina C. Pecora, capra, bufala e cammella sono ricchi di riboflavina, mentre quello di bufala contiene vitamina B6, vitamina A. La maggior parte dei latti contiene grandi quantità di acidi grassi saturi, meno quello di cavalla, cammella e asina. Il latte di cavalla ha un basso contenuto di caseine, mentre i latticini di cammelli e cavalli sono più adatti alle persone allergiche al latte vaccino.
  5. In merito alle quantità di latte da consumare, non esistono regole ma, buona parte dei paesi, raccomanda almeno una porzione di latte al giorno. Un bicchiere di latte di mucca intero, 200 ml, aiuta i bambini nella crescita.
  6. Non esistono evidenze in merito all'ipotesi che vorrebbe il latte e i latticini come alimenti in grado di contribuire all'obesità. Bisogna, però, considerare che il latte e i prodotti caseari devono essere consumati come parte di una dieta sana e bilanciata.
  7. Altro tema dibattuto quando si parla di latte è quello relativo al latte crudo. È vero che latte crudo e prodotti lattiero-caseari da esso derivati possono portare a malattie alimentari. Questo perché si tratta di alimenti non pastorizzati o sterilizzati. Servono controlli di sicurezza che li garantiscano.
  8. La produzione di latte ha effetti sulla sostenibilità ambientale e impatta sul pianeta. La produzione di latte, infatti, è fonte di emissione di Ghg come metano, ossido di azoto e biossido di carbonio. Il settore lattiero caseario produce emissioni di Ghg antropogene per il 4 % del totale di tutte le emissioni.
  9. La finestra critica per una crescita adeguata dei bambini e lo sviluppo cognitivo è tra la concezione e 24 mesi di età e quindi molte recenti iniziative nutrizionali internazionali si concentrano nei primi 1000 giorni. Le componenti del latte che si ritiene particolarmente importanti per sostenere la crescita del bambino sono proteine, minerali e lattosio. Anche i prodotti alimentari a base di latte sono stati utilizzati con successo nel trattamento di malnutrizione moderata e grave nei bambini. Il latte intero, ricco di grassi di alta qualità, è utile per i bambini piccoli in popolazioni con un basso consumo di grassi, dove la disponibilità di altri alimenti di origine animale è limitata. Il latte scremato non è raccomandato perché non contiene acidi grassi essenziali e manca di vitamine liposolubili.
  10. I bambini al di sotto di un anno di età non dovrebbero bere latte vaccino perché non contiene ferro e flati sufficienti a soddisfare le esigenze dei neonati e contiene, in più, proteine che affaticano il loro fegato.

Topics: latte, decaologo

Benvenuto su Cicalia.com 

il tuo Supermercato Online!


Approfondisci gli articoli sul nostro blog e quando sei pronto fai la spesa online. Inserisci i prodotti nel carrello e scegli dove vuoi riceverli: a tutto il resto pensiamo noi :-)


Perchè Cicalia:

  • È veloce (24/48 ore in tutta Italia);
  • Consegna con mezzi refrigerati;
  • Ordini quando vuoi, senza code!

Iscriviti alla nostra newsletter

Articoli recenti

Categorie e Argomenti

vedi tutti